Essere Gay in Giappone: Ups and Downs

In qualsiasi paese del mondo moderno, le persone LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender) hanno difficoltà a saltare. Essere fuori e aperta circa la tua sessualità può essere incontrato con qualsiasi cosa dall'accettazione e dall'amore, all'odio, alla violenza e perfino alle condizioni di carcere e all'esecuzione. Ogni paese ha diverse dinamiche e opinioni sociali. In alcuni, possiamo "mettere un anello su di esso" e sposare quelli che amiamo. In altri, non oseniamo parlare una parola per paura dell'odio, della violenza e persino delle condanne e dell'esecuzione. La situazione in America sta sorreggendo alla fine più positiva - ogni anno, più persone vengono a sostegno dell'amore e più leggi passano a nostro favore. Ma la bigoteria che deriva principalmente dal cristianesimo e da altre religioni abrahamiche è un disagio e persino pericolo per molte persone LGBT.

Diamo un'occhiata al lato opposto del mondo: il Giappone. Il Giappone ha una storia completamente separata dall'Occidente, evolvendo in quello che è oggi in Asia orientale con filosofie uniche, strutture sociali e istruzione religiosa. Quella storia ha colpito il Giappone contemporaneo, ma il Giappone di oggi non è totalmente esente da influenze occidentali. Come influisce la situazione del Giappone sul suo trattamento e sui diritti delle persone LGBT?

Molte persone - persino giapponesi - non si rendono conto di quanto il Giappone premoderna era simile. C'erano due termini usati comunemente nelle opere più antiche:

nanshoku , che significa "colori maschi", un termine fiorito per la bellezza percepita di tale relazione e wakashudō , il che significa "il modo Della gioventù "e si riferisce alla pederastia comunemente praticata (rapporti tra" insegnanti "e" studenti "adolescenti). Secondo il professor Gary Leupp, autore di

Male Colors: La costruzione dell'omosessualità in Tokugawa Japan , il Giappone aveva tre campi in particolare dove le relazioni di sesso erano conosciute, comprese e accettate, anche lodate: Militare, il clero e il teatro. La classe samurai del Giappone è ben capita dagli storici a frequentare frequentemente la pederastasia tra apprendisti e maestri. La filosofia era che il padrone era responsabile della sua carica adolescenziale in tutte le cose, dalle abilità militari all'etica e all'onore.Il clero aveva un ruolo simile. Non c'è opposizione morale all'omosessualità a Shinto, la religione nativa del Giappone. Anche nei templi buddisti, dove il sesso era proibito, era talvolta leggermente interpretato per significare sesso tra un uomo e una donna, quindi il sesso tra due uomini era permesso. I teatri, i giovani attori, soprattutto gli attori che hanno giocato ruoli femminili (simile alla Grecia, le maschere erano tipicamente tutti maschili) erano spesso oggetti del desiderio da parte dei patroni ricchi. Gli atti maschili omosessuali sono disseminati in tutta l'opera e la letteratura giapponese - anche il famoso Il racconto di Genji , scritto mille anni fa, ha un esempio in cui il protagonista maschio, il principe Genji, abbandona a corteggiare una donna non interessata e invece dorme Con il suo fratello minore. Naturalmente, come con la Grecia, gli uomini di solito si aspettavano di sposarsi con una donna e di avere figli. Come per la maggior parte dei paesi, la storia delle relazioni lesbiche è molto più tranquilla. A causa dell'influenza straniera, specialmente dall'Occidente, l'omosessualità fu brevemente bandito nel 1872, ma questa legge fu abrogata solo sette anni dopo. Oggi in Giappone non esiste alcuna legge contro l'omosessualità. Gli adulti consentono di fare sesso, ma non ci sono sindacati civili o matrimoni gay. Le leggi che escludono discriminazioni basate sull'orientamento sessuale o l'identità non esistono a livello nazionale, ma alcune prefetture, tra cui Tokyo, hanno adottato le proprie leggi per questo scopo. Dal 2008, le persone transgender possono modificare legalmente il proprio genere se hanno avuto un intervento chirurgico di riassegnazione sessuale. I diritti gay, compreso il matrimonio, ricevono pochissime discussioni politiche. Infatti, c'è poco discussione sulle questioni LGBT. L'omosessualità è spesso tenuta in silenzio. Non c'è ancora base religiosa per la discriminazione, ma le persone gay lottano per affrontare i rigorosi ruoli di famiglia e di genere di Giappone. Anche se il crimine è basso, la LGBT è stata molestata o persino attaccata a causa della loro identità. Nella migliore delle ipotesi, di solito è un soggetto tenuto sotto il tavolo. Nella mia esperienza, quasi tutte le persone LGBT giapponesi che ho incontrato mentre vivevo a Tokyo sono rimaste scioccate quando ho chiesto se fossero alle loro famiglie. Spesso sono aperti solo a bar e eventi gay. Ho provato ad essere sincero del mio stesso orientamento sessuale quando è venuto in uno sforzo per diffondere la consapevolezza, e non posso contare il numero di silenziose difficoltà che ho sopportato dopo aver risposto agli infami: "Hai un ragazzo?" domanda. Un giovane mi ha anche affermato: "Non abbiamo persone gay in Giappone". Kanako Otsuji, primo politico gay del Giappone nella dieta I gay esistono nei media per meglio o peggio. Diversi politici e icone della cultura pop sono usciti come gay e transgender, e senza dubbio il loro coraggio ha influenzato le percezioni del Giappone delle persone LGBT. Ma in gran parte, le persone gay e transgender sono ritratte come atti di commedia sulla TV, spesso da comici diretti, e la sessualità è spesso al culo di scherzi. I personaggi gay a rara occasione esistono nei film e nei drammi televisivi, ma è ancora più raro trovare un ritratto che non sia stereotipato e comico.I fumetti e le riviste di fumetti e lesbiche esistono e sono esistiti da un po 'di tempo, ma l'atmosfera del Giappone non è ancora abbastanza aperta perché molte persone si sentano a proprio agio a essere aperte con il loro orientamento sessuale.

D'altra parte, come la maggior parte delle grandi città, Tokyo e Osaka hanno un sacco di bar gay. Infatti, il quartiere Shinjuku Ni-Chome di Tokyo è considerato il più grande distretto gay del mondo. Ni-Chome è un must-see per qualsiasi viaggiatore gay (o, per questo, qualsiasi viaggiatore rettilineo in cerca di una serata amichevole e accogliente), bar e club per persone di ogni tipo. Gay Pride si svolge annualmente e include una sfilata a Tokyo. E anche se il matrimonio gay non può essere proprio dietro l'angolo in Giappone, sempre più persone LGBT stanno uscendo e orgogliose - proprio quest'anno, Tokyo Disneyland ha celebrato il suo primo matrimonio gay. Anche se non legalmente riconosciuto, potrebbe essere un segno che il cambiamento è da qualche parte nel futuro del Giappone.